Opzioni binarie: quando conviene investire sui supporti?

supporti opzioni binarieCi sono numerosissime strategie di trading in opzioni binarie, alcune sono semplici, proprio come questa che stiamo per esporre, altre sono più complesse. La strategia di opzioni binarie di cui parliamo su basa sui supporti, ossia, su quelle particolari aree di prezzo che fanno fa muro alla discesa dei prezzi. Un supporto deve essere visto come una sorta di muro di gomma, ove il prezzo tende generalmente ed in determinate circostanze, che andremo ad elencare, a rimbalzare per un certo numero di volte. I supporti non sono tutti uguali, abbiamo infatti una certa gerarchia di supporti, che possiamo semplificare racchiudendo i supporti in 3 insiemi:

Supporti di breve termine: sono supporti orari o giornalieri che durano poco e che non compromettono la tendenza generale del prezzo.

Supporti bi medio termine: sono supporti abbastanza forti che caratterizzano di solito le tendenze di prezzo di medio termine, che generalmente durano dai 3 ai 6 mesi.

Supporti di lungo termine: sono di gran lunga i supporti più resistenti ed influenzano le tendenze annuali, quelle che descrivono la fase toro e la fase orso. Una rottura di un supporto di lungo periodo generalmente é associata ad una inversione di tendenza.

SUPPORTI UTILIZZABILI NELLE OPZIONI BINARIE

I supporti che possiamo utilizzare nell’investimento in opzioni binarie appartengono al primo insieme (supporti di breve termine). Quando ci troviamo di fronte ad un supporto di breve termine però non possiamo essere sicuri che questo rappresenti un freno alla discesa di prezzi, dobbiamo infatti vederlo come un muro, che può essere anche infranto dal prezzo. Per comprendere se questo muro può resistere dobbiamo valutare due cose:

  1. La forza del supporto
  2. La forza del prezzo

Per definizione un supporto è tanto più forte quanto più volte ha impedito la discesa dei prezzi. Ne deriva che se siamo in presenza di un supporto che ha impedito la discesa dei prezzi per ben 4 volte, possiamo affermare che tale supporto sia effettivamente molto forte.

Valutare la forza del prezzo, che in questo caso si esprime nella forza della tendenza ribassista, non é semplice e richiede l’ausilio di alcuni indicatori che possono aiutarci molto a valutare tale fattore.

Leggi l’approfondimento: Come valutare la forza di una tendenza. Qui trovi tutti gli strumenti per valutare la forza di una tendenza e stabilire se sia più probabile un rimbalzo anziché una rottura di supporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *